Semel in mense licet abire

A partire dal prossimo 20 gennaio 2013, con una cadenza mensile, verrà organizzato un meraviglioso viaggio in treno alla scoperta di terre di confine tra l’Alto Molise e l’Abruzzo: sono le cime, gli altipiani, le brevi vallate e i paesini dell’Appennino centrale, luoghi abbandonati e dimenticati che il turismo culturale può riconquistare e far rinascere a nuovo lustro.

La tratta ferroviaria è la Napoli-Pescara, ma il segmento che ci riguada, è quello con partenza da ISERNIA ed arrivo a SULMONA, che purtroppo dal 2011 è  stato sospeso, dopo 114 anni di servizio, perchè “antieconomico”. Il viaggio mensile, con pura e godibilissima funzione turistica, che si è riusciti a “strappare” alla gestione pubblico-privata delle ferrovie è quindi già un gran successo, a vantaggio sentimentale e culturale di chi ancora vuole ostinarsi a vivere, riconoscendo valore non solo alla crescita vorticosa ed insostenibile che tutto coinvolge, tutto ingloba e divora, ma anche alla decrescita felice che riscopre e rinnova; non solo al predominante P.I.L. ma anche alla conservazione delle identità dei popoli, alla fruizione della natura, alla ricoperta della storia, all’arte, alle esperienze di viaggio.

Il percorso è lungo centoventinove chilometri, con ventidue stazioni, cinquantotto gallerie, centotre tra ponti e viadotti, attraverso panorami mozzafiato. A ben 1268 m slm si trova il picco più alto raggiunto da questo treno, nella stazione di Rivisondoli-Pescocostanzo, secondo per altitudine solo alla ferrovia del Brennero. Molti stranieri non molisani e non italiani hanno scoperto questo treno e se ne sono innamorati: per esempio il giornalista modesere Riccardo Finelli che, insieme a Stefano Cipriani, ha scritto il libro “Con i binari fra le nuvole” (edizioni NEO); Maurizio Santilli e Alfredo Arcieri che hanno realizzato il cortometraggio “Il viaggio“; Antonella e Barak, fondatori molisano-israeliani di Molise Discovery, agenzia di viaggi ed avventure che organizza visite del territorio regionale con escursioni personalizzate in bici, in geep, a cavallo, in treno!

La partenza è alle ore 10.00 ad ISERNIA. Duecentocinquanta i posti a sedere, si pranza a bordo del treno con cibi e vini di produzione locale, allietati anche da musica folk, opera dell’isernino emigrato e poi rientrato Francesco Tufano, fondatore dell’associazione “TransIta Onlus” che opera per far conoscre  i territori montani del Molise e dell’Abruzzo.

Un’altra associazione “Gli amici delle rotaie” ha allestito e gestisce le visite ad un piccolo museo del treno, in un capannone ai margini della stazione ferroviaria di Isernia in cui  tiene viva la memoria grazie a modellini, plastici dei percorsi, fotografie storiche, mappe, etc…  Proprio da questo museo parte la gita culturale che, da Isernia, farà tappa in tutte le stazioni intermedie fino a Sulmona dove si farà una pausa di 2 ore circa per poi ripartire alla volta di Isernia.

Il rientro è previsto per le 17.30. Il costo è di 35 euro, 20 euro il biglietto ridotto per i bambini.

Per informazioni e prenotazioni:

Associazione onlus TransIta

http://www.transita.org/www.transita.org/Benvenuto.html

https://www.facebook.com/TransItaOnlus

prenotazioni@transita.org  cell. 327-5843233

Tour operator Molise Discovery

http://molisediscovery.com/it/

https://www.facebook.com/MoliseDiscovery

info@molisediscovery.com 331-9878587, 335-6465060

di Giovanna FALASCA

Share
Questa voce è stata pubblicata in Eventi, Eventi Molise, Storia, Storia Molise e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.