Un’artista internazionale in Molise

Sabato 12 dicembre 2015 a partire dalle ore 10,00 e per tutta la giornata, il Castello Ciamarra di Torella del Sannio (CB) aprirà le sue porte ai visitatori per l’esposizione delle opere pittoriche di Elena Ciamarra, mai esposte prima in Molise perché provenienti dal fondo fino ad ora conservato a Ferrara e appena rientrato in regione.

Il Castello, originaria struttura fortificata normanna dell’XI-XII secolo, possedimento feudale angioino prima dei D’Aragona di Sanframondo e poi dei Di Capua che lo trasformarono in residenza nobiliare, fu acquistato dalla famiglia Ciamarra agli inizi dell’Ottocento ed è stato l’abitazione d’elezione dell’artista.

E’ monumento nazionale, vincolato come edificio storico, inoltre fa parte della rete italiana delle Case-Museo, recentemente ha ottenuto anche il vincolo ministeriale di Casa-Studio d’artista.

L’apertura del Castello del 12 dicembre, voluta dalla famiglia Ciamarra – Cammarano e realizzata con il patrocinio dell’associazione ItaliaNostra – sezione Molise, durerà per l’intera giornata.

Visitatori curiosi, turisti dei Beni Culturali, amatori d’arte ma anche molisani che ancora non conoscono la notevole ed impressionante opera artistica di Elena Ciamarra, potranno visitare i luoghi dove l’artista visse ed operò, mantenuti intatti nel mobilio e soprattutto nelle atmosfere che la pittrice respirò, e potranno lasciarsi guidare dallo speciale contesto -quasi percorrendo un viaggio indietro nel tempo- per percepire e tentare di ricostruire i ritmi di vita, le passioni, la determinazione, la facondia di un’artista non ancora riconosciuta nella sua identità come meriterebbe.

Eccezionale da tanti punti di vista, sia nel contesto molisano sia in quello nazionale, per la precocità, l’intensità e la varietà dei suoi interessi artistici musicali e figurativi, e per l’eccezionalità tecnica e cretiva delle sue realizzazioni pittoriche, Elena Ciamarra si formò ed operò in un ambiente internazionale, grazie a frequenti viaggi di studio in Francia, Germania, Austria.

Alcune migliaia le sue opere conservate: disegni a matita, a penna, a carboncino, acqueforti, olii; copie di pittori classici perfettamente realizzate, ritratti di familiari e di abitanti di Torella, nature morte, paesaggi en plein-air; centinaia poi gli studi preparatori, anche a tema anatomico, di impressionante vividezza. Anche lo stile subisce, nel corso di circa un sessantenio di attività,  un’evoluzione palpabile dalle linee che delineano volumi quasi michelangioleschi della giovinezza, all’essenzialità disegnativa e coloristica raggiunta nell’ultima fase.

Non è sufficientemente commentabile il disinteresse fattivo delle istituzioni locali e nazionali preposte alla tutela e alla valorizzazione del territorio e delle sue risorse culturali e turistiche. La famiglia Ciamarra – Cammarano, con estremo affetto ed impegno, affronta da sola le spese e le responsabilità della gestione di un siffatto patrimonio, come in occasione di un recente furto avvenuto del castello che ha causato notevoli danni specialmente allo studio artistico della pittrice. Si spera almeno che l’episodio abbia richiamato l’attenzione di chi di dovere su un patrimonio speciale: un unicum non solo per la qualità e quantità di opere conservate dello stesso artista ma anche e per la loro collocazione nel contesto originario in cui sono state realizzate, che ha di per sé un evidente valore storico-architettonico, uno scrigno di arte e memoria che il Molise dovrebbe iniziare a custodire e che i molisani dovrebbero conoscere e far conoscere.

Castello Ciamarra, Via Sottopalazzo 7 – 86028 Torella del Sannio (CB)

Sabato 12 dicembre 2015, a partire dalle ore 10,00

di Giovanna FALASCA

Share
Questa voce è stata pubblicata in Arte, Arte Italia, Eventi, Eventi Molise, Storia, Storia Molise e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.