Il Simbolismo in mostra a Milano

Dal 3 febbraio al fino al 5 giugno 2016 è visitabile a Palazzo Reale di Milano la mostra “Simbolismo. Arte in Europa dalla Belle Époque alla Grande Guerra”, seconda ed interessantissima tappa del progetto di allestimenti legati all’arte del XIX e XX secolo dopo quella, ancora aperta, su Alfons Mucha.

Curata da Fernando Mazzocca, Claudia Zevi in collaborazione con Michel Draguet, la mostra ha l’intento di chiarire i rapporti tra il Simbolismo europeo e quello italiano e di delineare costruttivamente e con ampia documentazione le origini, i caratteri identificativi, gli spunti filosofici di un fenomeno di così ampia portata, in sintonia artistica con i coevi Preraffaelliti inglesi, con le poesie di Baudelaire e con le teorie filosofiche e psicanalitiche di Nietzsche e Freud.

Scopo ulteriore della ricerca è illustrare in che modo il Simbolismo, coinvolgendo le arti figurative, l’architettura, la letteratura e la musica, abbia contribuito a rinnovare profondamente la cultura, facendola entrare nella modernità e anticipando le avanguardie del primo ’900.

In 24 sale e 2000 m2, sono esposte circa 150 opere distinte in 18 sezioni tematiche, tra quadri, sculture e grafiche di artisti francesi, belgi, austriaci, tedeschi e italiani che diedero corpo al fenomeno del Simbolismo che, tra 1880 e 1915, superò l’Impressionismo e si contrapposte al Positivismo, prevenendo le Avanguardie (per esempio l’italiano Futurismo), per dar voce alle espressioni più irrequiete, irrazionali, immaginifiche, oniriche, erotiche della sensibilità di quei tempi.

Gli artisti furono i primi catalizzatori del sempre più diffuso sentimento di incertezza di un’Europa in bilico sull’abisso della guerra, e misero al centro della loro arte interrogativi intorno alla vita e alla morte, all’amore e alla realtà, all’altra faccia del sogno, alla fuga in paradisi artificiali.

Sono in mostra capolavori di Klimt, Böcklin, Rops, Khnopff, Moreau, Odillon Redon, Klinger, Von Stuck, Hodler, Kupka, Delville e degli italiani Segantini, Zecchin, Previati, Sartorio, Mussino, Chini, Martini e di molti altri artisti di fama internazionale, provenienti da collezioni private e da musei, molte di queste opere non sono mai state esposte in Italia.

Catalogo 24 Ore Cultura.

Orari: lunedì dalle 14.30 alle 19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9.30 alle 19.30; giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30. Ultimo ingresso: un’ora prima della chiusura.

Palazzo Reale, Piazza del Duomo, 12, Milano

di Giovanna FALASCA

Share
Questa voce è stata pubblicata in Arte, Arte Italia, Eventi, Eventi Italia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.