Le risorse invisibili: la gestione del patrimonio archeologico e scientifico tra criticità e innovazione

Lunedì 29 settembre avrà luogo presso l’Aula Magna del Dipartimento di Economia e Management di Ferrara il convegno dal titolo “Le risorse invisibili: la gestione del patrimonio archeologico e scientifico tra criticità e innovazione”.
Il fil rouge che lega i diversi interventi è quello delle risorse invisibili: un bene che sfugge all’inventariazione e alla catalogazione costituisce, tecnicamente, una risorsa invisibile; così come un bene non patrimonializzato o un bene non adeguatamente valorizzato. L’obiettivo del convegno non è solo quello di mettere a nudo le criticità nella gestione del patrimonio culturale ma anche, e soprattutto, quello di prospettare possibili soluzioni gestionali migliorative e di riflettere su ipotesi di lavoro concrete.
L’iniziativa si inserisce nelle linee di ricerca del Dottorato in Scienze e Tecnologie per l’Archeologia e i Beni Culturali dell’Università degli Studi di Ferrara, con borse di studio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca sul programma Fondo per il sostegno dei giovani (D.M. 23/10/2003, n.  198 – Fondo  Giovani  2009/10 e Circolare Ministeriale n. 2236 del 04/10/2012).
Il progetto, inoltre, è supportato dalle convezioni che l’Università di Ferrara ha sottoscritto con la Direzione Generale per le Antichità del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e l’Associazione Nazionale Musei Locali e Istituzionali.
.
Di seguito il programma completo:
Ore 9.00: Saluti istituzionali
Pasquale Nappi – Rettore Università degli Studi di Ferrara
Matteo Galli – Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici, Università degli Studi di Ferrara
Luigi Malnati – Direzione Generale per le Antichità, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Anna Maria Montaldo – Presidente Associazione Nazionale Musei Locali e Istituzionali
Interventi e casi tematici
– Ore 9.30- 9.50 Carlo Peretto, Ursula Thun Hohenstein, Carmela Vaccaro – Università degli Studi di Ferrara
A proposito di contenitori, depositi e musei: perché raccogliere, collezionare, valorizzare
– Ore 9.50-10.10 Jeannette Papadopoulos – Direzione Generale per i Beni Archeologici, Direttore del Servizio III, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Movimentazione dei beni archeologici e gestione dei depositi
– Ore 10.10-10.30: Francesca Tosti – Ministero Economia e Finanze, Ragioneria Generale dello Stato – Ispettorato Generale Bilancio – Ufficio II
La gestione tecnico-amministrativa dei beni mobili demaniali nel Conto Generale del Patrimonio dello Stato
Coffee break
– Ore 11.00-11.20 Elizabeth Jane Shepherd – Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo
Gli inventari e la stima patrimoniale dei beni archeologici di competenza statale
– Ore 11.20-11.40 Anna Maria Visser – Direttivo Associazione Nazionale Musei Locali e Istituzionali
Musei: esposizione, servizi, depositi. Per una nuova strategia di integrazione
– Ore 11.40-12.00 Fabio Donato – Università degli Studi di Ferrara; rappresentante italiano per il MIUR nel Comitato di Programma di Horizon 2020 per la Societal Challenge “Europe in a changing world: inclusive,
innovative and reflective societies”
La valorizzazione del patrimonio archeologico in una prospettiva europea
– Ore 12.00-12.20 François Sémah – Muséum national d’Histoire naturelle di Parigi; World Heritage Centre
UNESCO, Thematic Programme “Human Evolution, Adaptations, Dispersals and Social Development”
(HEADS)
Il ruolo dell’UNESCO nella conservazione e la gestione del patrimonio archeologico
– Ore 12.20-12.40 Marina Cangemi e Brunella Muttillo – Dottorato in Scienze e Tecnologie per l’Archeologia e i Beni Culturali, Università degli Studi di Ferrara
Il progetto Fondo Giovani del MIUR su trasporto e logistica avanzata del patrimonio scientifico, naturalistico e archeologico
Pausa pranzo
– Ore 14.30-14.50 Michele Lanzinger – Direttore MUSE di Trento
“Non date da mangiare ai ricercatori”. Intorno all’esporre i ricercatori e le loro collezioni nei musei scientifici.
– Ore 14.50-15.10 Giacomo Giacobini – Direttore del Museo di Anatomia umana e Coordinatore del Polo
museale dell’Università di Torino; past President Associazione Nazionale Musei Scientifici.
Le collezioni “nascoste” dei musei universitari torinesi. Aspetti di tutela e visibilità.
– Ore 15.10-15.30 Francesca Cappelletti – Università degli Studi di Ferrara, Vicepresidente Consiglio superiore dei Beni Culturali del MIBACT
Mostrare e studiare l’invisibile: cataloghi, esposizioni, allestimenti e progetti digitali nei musei di arte antica.
– Ore 15.30-15.50 Marcello Balzani – Università degli Studi di Ferrara, Responsabile scientifico del laboratorio
Teknehub del Tecnopolo Emilia Romagna
L’innovazione tecnologica nella gestione del patrimonio
– Ore 15.50-16.10 Paola Germoni – Soprintendenza per i Beni Archeologici di Ostia
Museo e territorio: la gestione dei depositi archeologici ostiensi.
– Ore 16.10-16.30 Elena Plances*,  Enrico Benes**
*Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo; ** Informatico
Sull’uso della tecnologia RFId nei processi di gestione dei beni culturali
Discussione finale sulle prospettive future
.
di Brunella MUTTILLO
Share
Questa voce è stata pubblicata in Archeologia, Archeologia Italia, Eventi, Eventi Italia. Contrassegna il permalink.