I Neandertal del sito El Sidron erano cannibali

Una ricerca sui resti di Neandertal scoperti nel giacimento asturiano di El Sidron, che datano approssimativamente 43000 anni BP, ha rivelato segni di cannibalismo che possono attribuirsi o alla necessità di alimentazione o a possibili pratiche simboliche. Il gruppo di ricerca diretto dal prof. Antonio Rosas del Dipartimento di Paleontologia del Museo Nacional de Ciencias Naturales di Madrid, il cui studio è stato pubblicato nella rivista PNAS, ha analizzato i resti ossei di 8 esemplari di Neandertal (un bambino, un giovane, un adolescente e quattro adulti). In questo lavoro hanno partecipato 18 ricercatori i quali hanno stabilito che gran parte delle ossa studiate presentano tracce di ipoplasia relazionate con malnutrizione o infermità. Inoltre sono state riscontrate su alcune ossa strie di macellazione causate dall’utilizzo di strumenti in selce. I ricercatori supportano due ipotesi per spiegare gli episodi di cannibalismo abbastanza frequenti tra i Neandertal. Lo stato dei denti fa pensare ad una carenza di alimenti generalizzata il che porta a relazione questa pratica a periodi in cui era difficile procacciarsi del cibo. L’altra ipotesi è vincolata a possibili pratiche simboliche.

di Giuseppe LEMBO

Share
Questa voce è stata pubblicata in Antropologia, Antropologia Mondo, Archeologia, Archeologia Mondo, Eventi, Eventi Mondo. Contrassegna il permalink.