E’ di una strega la sepoltura scoperta a Piombino?

La sepoltura, scoperta durante gli scavi condotti da Fabio Redi, docente di Archeologia medievale all’università dell’Aquila e Andrea Camilli della Sovrintendenza archeologica della Toscana, risale al 1200 e consiste nell’inumazione di una donna con un’età compresa tra i 25 e i 30 anni. L’incredibilità della scoperta consiste però nel ritrovamento all’interno della bocca di 7 chiodi ricurvi di una lunghezza di 4 cm e in una sorta di macabro rito i vestiti della giovane donna erano stati inchiodati nella fossa con 13 chiodi. “Un ritrovamento atipico, non ho mai visto qualcosa di simile – racconta Alfonso Forgione, archeologo dell’Università dell’Aquila -. Probabilmente ci troviamo di fronte a un rudimentale rito di esorcismo. L’ipotesi è che la donna, colpita da problemi fisici o mentali, potesse essere diventata nell’immaginario popolare un soggetto malefico e forse anche una strega”.

Gli archeologi stavano scavando alla ricerca di una cattedrale e di un vescovo santo, San Cerbone, e invece si sono trovati davanti alla tomba di quella che potrebbe essere una strega del 1200. Ci sono però alcuni particolari da chiarire: perché la strega è stata sepolta in un luogo consacrato e addirittura vicino a una chiesa? “È particolare molto strano sul quale stiamo lavorando – continua Forgione -. Si può ipotizzare che la donna appartenesse a una famiglia influente e che dunque sia riuscita ad ottenere una sepoltura in terra cristiana”. Accanto alla tomba della probabile strega gli archeologi hanno trovato la sepoltura di un’altra donna enigmatica. “Accanto al suo scheletro c’era un sacchetto con 17 dadi da gioco – racconta ancora l’archeologo Forgione -. A quel tempo il gioco dei dadi era vietato e proibitissimo per le donne. Non è escluso che ci si trovi di fronte a una meretrice punita con disprezzo anche nel momento della sepoltura con il simbolo più basso della moralità, il gioco dei dadi, appunto”. Gli scavi proseguiranno sino a fine mese con l’obiettivo di trovare la cattedrale di San Cerbone e per tentare di svelare questo mistero.

di Giuseppe LEMBO

Share
Questa voce è stata pubblicata in Archeologia, Archeologia Italia, Eventi. Contrassegna il permalink.